CHARLES AZNAVOUR

Pagina dedicata ad alcune delle canzoni più famose di Charles Aznavour, nome d’arte di Chahnourh Varinag Aznavourian, famoso cantante armeno naturalizzato francese che fu anche diplomatico e insignito della Legion d’Onore.

1) LA BOHÈME (“La vita bohémienne”)

Video estratto da https://www.youtube.com/watch?v=fVfnEyLOkrM e caricato da Charles Aznavour.

(Il testo originale francese è all’interno del video).

TRADUZIONE IN ITALIANO (by francesefacile.altervista.org)

Vi parlo di un tempo
Che i meno di vent’anni
Non possono conoscere.
Montmartre a quel tempo là
Appendeva i suoi lillà
Fin sotto le nostre finestre.
E se l’umile monolocale ammobiliato
Che ci serviva da nido
Non era un granché,
E’ là che ci siamo conosciuti,
Io che piangevo la fame
E tu che posavi nuda.

La vita bohémienne, la vita bohémienne
Voleva dire
Che si era felici.
La vita bohémienne, la vita bohémienne
Mangiamo solo un giorno su due.

Nei café vicini
Eravamo qualcuno
Che aspettava la gloria
E benché miserabili
Con la pancia vuota
Non cessavamo di crederci.
E quando qualche bistrot
In cambio di un buon pasto caldo
Ci prendeva una tela
Recitavamo dei versi
Raggruppati attorno alla padella
Dimenticando l’inverno.

La vita bohémienne, la vita bohémienne
Voleva dire
Che tu sei bella.
La vita bohémienne, la vita bohémienne
E noi avevamo tutti della genialità.

Spesso mi capitava
Davanti al mio cavalletto
Di passare delle notti in bianco
Di ritoccando il disegno
Della linea di un seno
Della forma di un’anca.
E non era che al mattino
Che infine ci sedevamo
Davanti a un caffellatte
Esauriti ma felicissimi.
Bisognava che ci si amasse
E che si amasse la vita.

La vita bohémienne, la vita bohémienne
Voleva dire
Che si ha vent’anni.
La vita bohémienne, la vita bohémienne
E noi vivevamo dell’aria del tempo.

Quando per caso alcuni giorni
Me ne vado a fare un giro
Al mio vecchio indirizzo,
Non riconosco più
Né le mura né le strade
Che hanno visto la mia giovinezza.
Dall’alto di una scala
Cerco l’ atelier
Di cui niente sussiste più.
Nel suo nuovo arredamento
Montmartre sembra triste
E i lillà sono morti.

La vita bohémienne, la vita bohémienne.
Eravamo giovani,
Eravamo folli.
La vita bohémienne, la vita bohémienne
Non vuole dire assolutamente più nulla.

2) LE CABOTIN (“L’istrione”)

Video tratto da https://www.youtube.com/watch?v=gSixovw_qo8 e caricato da Aznarchive.

TESTO ORIGINALE FRANCESE

Je suis un cabotin dans toute sa splendeur.
Je suis né pour jouer.
Donnez-moi un tréteau minable et sans chaleur,
Je vais me surpasser.
Je suis un cabotin dans toute sa splendeur,
Mais j’ai ça dans le sang.
Donnez-moi quatre planches et quelques spectateurs
Et j’aurai du talent,
Du talent
Dans une pièce de trois murs,
A ventre ouvert sur le public,
Tout comme au bord d’un gouffre obscur.
Avec mon trac, mes tics
Je viens donner la comédie
Vibrant d’un feu qui brûle en moi.
Je parle, je pleure, et je ris
Et vis mon rôle chaque fois.
Ne me condamnez pas sans comprendre mon cœur,
Je suis d’une autre race.
Je suis un cabotin dans toute sa splendeur,
La scène est mon espace.
Ma vie commence alors.
Que je vois le décor,
Que j’entends les trois coups,
Et je suis malgré moi
pris de peur et de joie.
Quand le rideau se lève
Là, mon cœur bat si fort.
Que je frôle la mort,
Et que j’en oublie tout,
Mais au moment exact
Je fais le premier pas
Pour entrer dans mon rêve.
Je suis un cabotin dans toute sa splendeur,
J’ai choisi mon destin.
Donnez-moi dix répliques et quelques projecteurs,
Vous verrez mes moyens.
Je suis un cabotin dans toute sa splendeur
Et c’est toute ma vie.
Donnez-moi un théâtre, un rôle à ma hauteur
Et j’aurai du génie,
Du génie
Sous un maquillage savant
Ou le visage à découvert,
Emphatique ou discrètement.
Je dis la prose ou bien le vers,
Avec tendresse avec fureur,
Selon la pièce et puis l’emploi.
Je souffre, je vis ou je meurs
Et mens jusqu’à ce que j’y croie.
Soit dit sans vanité, je connais ma valeur
Et si pour vous, peut-être,
Je suis un cabotin dans toute sa splendeur,
Je reste fier de l’être.

TRADUZIONE IN ITALIANO (by francesefacile.altervista.org)

Io sono un istrione in tutto il suo splendore.
Sono nato per recitare.
Datemi un cavalletto squallido e senza calore
E mi supererò.
Sono un istrione in tutto il suo splendore,
Ma ce l’ho nel sangue.
Datemi quattro assi e qualche spettatore,
E avrò del talento,
Del talento
In una stanza di tre mura,
A ventre scoperto sul pubblico
Proprio come sul bordo di un precipizio oscuro.
Col mio panico da palcoscenico, i miei tic,
Farò una commedia
Vibrante di un fuoco che brucia in me.
Parlo, piango, rido
E vivo il mio ruolo ogni volta.
Non mi comandate senza capire il mio cuore,
Io sono di un’altra razza.
Sono un istrione in tutto il suo splendore,
La scena è il mio spazio
La mia vita comincia allora.
Che io veda l’arredamento,
Che io senta i tre colpi,
E sono mio malgrado
Preso da paura e da gioia.
Quando il sipario si alza
Là, il mio cuore batte così forte.
Che io sfiori la morte,
E che mi dimentichi tutto,
Ma al momento esatto
Faccio il primo passo
Per entrare nel mio sogno.
Io sono un istrione in tutto il suo splendore,
Ho scelto il mio destino.
Datemi delle repliche e qualche proiettore,
Vedrete i mie mezzi.
Sono un istrione in tutto il suo splendore
Ed è tutta la mia vita.
Datemi un teatro, un ruolo alla mia altezza,
E avrò del genio,
Del genio
Sotto un trucco sapiente,
O a viso scoperto,
Enfatico o discretamente.
Dico la prosa oppure il verso,
Con tenerezza, con furore,
A seconda della pièce e ancora dell’impiego.
Io soffro, vivo o muoio
E mento finché ci credo.
Sia detto senza vanità, io conosco il mio valore
E se per voi, forse,
Io sono un istrione in tutto il suo splendore,
Resto fiero di esserlo.

3) TOUS LES VISAGES DE L’AMOUR (“Tutti i volti dell’amore”)

Video estratto da https://www.youtube.com/watch?v=WlavfdtO3fI e caricato da EnChantant17.

(il testo originale francese è presente all’interno del video).

TRADUZIONE IN ITALIANO (by francesefacile.altervista.org)

Tu, adornata di mille e uno fascini
Non so mai chi sei
Tu cambi così spesso di viso e di aspetto
Tu, qualunque sia la tua età e il tuo nome
Tu sei un angelo o il demonio.

Quando per me prendi di volta in volta
Tutti volti dell’amore.

Tu, sei Dio non ti aveva modellato
Ci sarebbe stato il bisogno di crearti
Per dare alla mia vita la sua ragione di esistere.
Tu che sei la mia gioia e il mio tormento
A volte donna e a volte bambina
Tu offri al mio cuore ogni giorno
Tutti i volti dell’amore.

Io sono il fuoco che cresce o che muore
Sono il vento che ruggisce o che piange
Sono la forza o la debolezza
Io potrei sfidare il cielo e l’inferno
Potrei domare la terra e il mare
E reinventare la giovinezza.

Tu, vieni fai di me quello che vuoi
Un uomo felice o infelice
Una tua parola, io sono polvere o sono Dio
Tu la mia speranza o il mio destino
Ho così paura dei miei domani
Mostra alla mia anima senza soccorso
Tutti i volti dell’amore.
Tu, tutti i volti dell’amore.

4) À MA FILLE (“A mia figlia”)

Video estratto da https://www.youtube.com/watch?v=aSLgtj-wB-Y e caricato da 59BlueDragon.

TESTO ORIGINALE FRANCESE

Je sais qu’un jour viendra car la vie le commande
Ce jour que j’appréhende où tu nous quitteras
Je sais qu’un jour viendra où triste et solitaire
En soutenant ta mère et en traînant mes pas
Je rentrerai chez nous dans un “chez nous” désert
Je rentrerai chez nous où tu ne seras pas

Toi tu ne verras rien des choses de mon cœur
Tes yeux seront crevés de joie et de bonheur
Et j’aurai un rictus que tu ne connais pas
Qui semble être un sourire ému mais ne l’est pas
En taisant ma douleur à ton bras fièrement
Je guiderai tes pas quoique j’en pense ou dise
Dans le recueillement d’une paisible église
Pour aller te donner à l’homme de ton choix
Qui te dévêtira du nom qui est le nôtre
Pour t’en donner un autre que je ne connais pas

Je sais qu’un jour viendra tu atteindras cet âge
Où l’on force les cages ayant trouvé sa voie
Je sais qu’un jour viendra, l’âge t’aura fleurie
Et l’aube de ta vie ailleurs se lèvera
Et seul avec ta mère le jour comme la nuit
L’été comme l’hiver nous aurons un peu froid

Et lui qui ne sait rien du mal qu’on s’est donné
Lui qui n’aura rien fait pour mûrir tes années
Lui qui viendra voler ce dont j’ai le plus peur
Notre part de passé, notre part de bonheur
Cet étranger sans nom, sans visage
Oh! combien je le hais
Et pourtant s’il doit te rendre heureuse
Je n’aurai envers lui nulle pensée haineuse
Mais je lui offrirai mon cœur avec ta main
Je ferai tout cela en pensant que tu l’aimes
Simplement car je t’aime
Le jour, où il viendra.

TRADUZIONE IN ITALIANO (by francesefacile.altervista.org)

So che verrà un giorno perché la vita lo comanda
Il giorno che io apprenda in cui ci lascerai
So che verrà un giorno in cui triste e solitario
E sostenendo tua madre e trascinando i miei passi
Tornerò a casa nostra in una “casa nostra” deserta
Tornerò a casa nostra dove tu non ci sarai.

Tu non vedrai nulla delle cose del mio cuore
I tuoi occhi saranno increspati di gioia e di felicità
E io avrò una smorfia che tu non conosci
Che sembra essere un sorriso commosso ma non lo è
Tacendo il mio dolore al tuo braccio fieramente
Guiderò i tuoi passi qualunque cosa ne pensi o dica
Nel raccoglimento di una pacifica chiesa
Per andarti a donare all’uomo che hai scelto
Che ti spoglierà del nome che è il nostro
Per dartene un altro che io non conosco.

So che verrà un giorno tu aspetterai quell’età
In cui si forzano le gabbie avendo trovato la propria via
Io so che verrà un giorno, l’età ti avrà maturata
E l’alba della tua vita altrove spunterà
E solo con tua madre il giorno come la notte
L’estate come l’inverno avremo un po’ di freddo.

E lui che non sa niente del male che ci ha dato
Lui che non avrà fatto niente per maturare i tuoi anni
Lui che avrà appena rubato quello di cui ho più paura
La nostra parte di passato, la nostra parte di felicità
Questo estraneo senza nome, senza volto
Oh! quanto lo odio
Eppure se deve renderti felice
Io non avrò verso di lui nessun pensiero odioso
Ma gli offrirò il mio cuore con la tua mano
Farò tutto questo pensando che lo ami
Semplicemente perché io amo te
Il giorno, in cui verrà.