“MARZO”

In questa pagina sarà presentato il testo originale in francese, con traduzione in italiano, della celeberrima poesia “MARS” (Marzo) del poeta romantico Alfred de Musset (1810 – 1857). 

Si presentano due diverse traduzioni in italiano della stessa poesia: la prima, fedele al testo originale, che è tradotta da noi; la seconda è il testo ufficiale proposto nei libri di scuola, composto in maniera fedele non al significato ma al ritmo della poesia in francese.

Peschi in fiore. Foto di francesefacile.altervista.org/blog.

TESTO ORIGINALE FRANCESE

Oh! que Mars est un joli mois!
C’est le mois des surprises:
Du matin au soir dans les bois
Tout change avec les brises.
Le ruisseau n’est plus engourdi,
La terre n’est plus dure,
Le vent qui souffle du midi
Prépare la verdure…
Par-dessus la haie en éveil,
Fière des fleurs écloses,
On voit le pêcher au soleil
Ouvrir ses bougeons roses.
Gelée ou vent, pluie ou soleil,
Alors tout a ses charmes;
Mars a le vissage vermeil
Et sourit dans ses larmes.

TRADUZIONE IN ITALIANO (by francesefacile.altervista.org/blog)

Oh! Marzo è davvero un mese grazioso!
E’ il mese delle sorprese:
Dal mattino alla sera nei boschi
Tutto cambia con le brezze.
Il ruscello non è più intorpidito,
La terra non è più dura,
Il vento che soffia dal mezzogiorno
Prepara la verdura…
Sopra la siepe un risveglio,
Fiera dei fiori schiusi.
Si vede il pesco al sole
Aprire le sue gemme rosa,
Gelata o vento, pioggia o sole,
Dunque tutto ha i suoi incanto;
Marzo ha il viso vermiglio
E sorride nelle sue lacrime.

TRADUZIONE IN ITALIANO (testo ufficiale)

Nei boschi, da sera a mattina,
si schiudono fresche sorprese:
leggero sui prati cammina
marzo, incantevole mese.

Ancora non c’è l’usignolo
ricolmo di note e di trilli,
ma lungo le prode e nel brolo
già fremono e ciarlano i grilli.

E, guarda, la siepe s’è desta,
coperta di fiori, odorosa:
il pesco s’ammanta di festa
schiudendo i suoi petali rosa.

C’è pioggia, c’è vento, c’è sole:
è marzo, ogni cosa ha un incanto;
è marzo, che piange e non vuole,
che mostra il sorriso tra il pianto.

TORNA AD ALFRED DE MUSSET