Crea sito

LEZIONE 47: IL FUTURO SEMPLICE

In francese il futuro semplice dell'indicativo si forma in questo modo:

INFINITO DEL VERBO + desinenze:

- ai
- as
- a
- ons
- ez
- ont

Vediamo alcuni esempi:

ES. J’habiterai                 Io abiterò                  (habiter + ai)
       Tu comprendras     Tu capirai                  (comprendre + as)
        Il  mangera               Egli mangerà             (manger + a)
        Nous acheterons    Noi compreremo      (acheter + ons)
        Vous finirez              Voi finirete                 (finir + ez)
        Ils visiteront             Essi visiteranno       (visiter +ont)

E’ ovvio che quando un verbo all’infinito termina per “E” (Prendre, comprendre, vendre, répondre) la “E” finale si omette per aggiungere la desinenza:

Je prendr (e) – ai      Je prendrai             Io prenderò
Je vendr (e) – ai        Je vendrai               Io venderò

FUTURO SEMPLICE DI HABITER (ABITARE): 1° GRUPPO

j'habiterai  = Io abiterò
tu habiteras = Tu abiterai
il habitera
nous habiterons
vous habiterez
ils habiteront

FUTURO SEMPLICE DI FINIR (FINIRE): 2° GRUPPO

je finirai = Io finirò
tu finiras = Tu finirai
il finira
nous finirons
vous finirez
ils finiront

FUTURO SEMPLICE DI PRENDRE (PRENDERE): 3° GRUPPO

je prendrai = io prenderò
tu prendras = tu prenderai
il prendra
nous prendrons
vous prendrez
ils prendront

Tuttavia....

Vi sono alcuni verbi che fanno eccezione, e che al tempo futuro dell'indicativo cambiano completamente radice, benché le desinenze restino sempre le stesse:

- ai

- as

- a

- ons

- ez

- ont

Questi verbi sono (si indica solo la 1a persona singolare del futuro semplice perché la radice è la stessa per tutte le persone, cambia solo la desinenza):

INFINITO       FUTURO             TRADUZIONE

ÊTRE              je serai                      essere
AVOIR            j’aurai                         avere
APPELER     j’appellerai              chiamare
VOULOIR     je voudrai                 volere
POUVOIR     je pourrai                  potere
DEVOIR       je devrai                       dovere
VENIR          je viendrai                   venire
FAIRE           je ferai                           fare
ALLER          j’irai                               andare
SAVOIR       je saurai                       sapere
MOURIR      je mourrai                   morire                
VOIR            je verrai                          vedere

Attenzione ! Je verrai, tu verras, il verra etc.... non significa « verrò, verrai, verrà... » ma è il futuro di “voir” (vedere): io vedrò, tu vedrai, egli vedrà”.

Un altro verbo irregolare è:

RECEVOIR       je recevrai              ricevere

FALLOIR (bisognare)

Se ne ricordano i tempi verbali, già incontrati nelle lezioni precedenti:

PRESENTE INDICATIVO: Il faut

IMPERFETTO INDICATIVO: Il fallait

Ed ecco il futuro semplice:

FUTURO SEMPLICE DELL'INDICATIVO: Il faudra

Particolarità del futuro semplice

Bisogna fare attenzione ad alcuni verbi che presentano delle particolarità:

1) VERBI CHE TERMINANO IN -YER:

Questi verbi del 1° gruppo formano il futuro semplice in due modi, parimenti corretti: o aggiungendo le desinenze del futuro all'infinito così com'è, oppure aggiungendole a un infinito modificato in cui la Y viene sostituita dalla I:

ES. Payer (pagare)

Je payerai - je paierai

Entrambe le forme sono corrette.

2) VERBI CHE RADDOPPIANO LA CONSONANTE

Come è possibile vedere dagli esempi soprastanti (è stato fatto l'esempio di MOURIR → je mourrai), alcuni verbi che all'infinito presentano una sola consonante prima del suffisso del gruppo di appartenenza (-ER, -IR, ecc.), subiscono il raddoppiamento di tale consonante quando formano il futuro.

I verbi più importanti che appartengono a questa categoria sono, oltre a "MOURIR":

COURIR (correre) → je courrai

JETER (gettare) → je jetterai

APPELER (chiamare) → j'appellerai

Solitamente, i verbi che si comportano così sono quelli irregolari nella formazione dell'indicativo presente, ma siccome è imprevedibile sapere quali verbi irregolari presentano questo fenomeno e quali no, vanno imparati a memoria.

3) VERBI CHE PRESENTANO ACCENTI AL PRESENTE INDICATIVO MA NON ALL'INFINITO

Vi sono verbi in francese che all'infinito non presentano accenti, ma li presentano quando coniugati all'indicativo presente: si veda come esempio "ACHETER" (comprare), che all'infinito non ha accenti ma al presente indicativo fa:

j'achète
tu achètes
il/elle achète
nous achetons
vous achetez
ils/elles achètent

Tutti i verbi di questo tipo hanno il futuro semplice che presenta la E con l'accento grave (è) a tutte le persone:

FUTURO SEMPLICE DI "ACHETER":

j'achèterai
tu achèteras
il/elle achètera
nous achèterons
vous achèterez
ils/elles achèteront

Questa regola vale dunque anche per i verbi "peser" (pesare) e "semer" (seminare), e per tutti quei verbi che presentano accenti solo quando coniugati al presente indicativo.

Non è invece seguita da quei verbi che cambiano l'accento, ossia quelli che all'infinito hanno la E con l' accento acuto (é) che al presente indicativo diventa grave (è) nelle persone singolari e alla 3a plurale:

PRÉFÉRER (preferire) →  je préfère (presente indicativo) → je préférerai (futuro semplice)

Questi sono infatti regolari nella formazione del futuro, vale a dire che conservano l'accentazione dell'infinito in tutte le persone:

ESPÉRER (sperare) →  j'espère (presente indicativo) → j'espérerai (futuro semplice)

FUTURO ANTERIORE

Il futuro anteriore si forma, in francese come in italiano, nel seguente modo:

SOGGETTO + AUSILIARE "ESSERE" O "AVERE" AL FUTURO SEMPLICE + VERBO AL PARTICIPIO PASSATO

Per sapere quale ausiliare utilizzare (se essere o avere) bisogna considerare quale viene utilizzato in italiano: in francese sarà lo stesso nella maggioranza dei casi. Le eccezioni sono le stesse descritte nella lezione 42 sul PASSATO PROSSIMO.

Esempi:

Je serai allé = Io sarò andato

Tu auras fait = Tu avrai fatto

Fa eccezione:

J'aurai été = Io sarò stato

In francese, col verbo "ESSERE" si usa l'ausiliare "avere",  e non l'ausiliare "essere" come in italiano! Questo è già stato detto nella lezione 42: IL PASSATO PROSSIMO.