MARIA ANTONIETTA

Storia e date principali della vita di Maria Antonietta d’Asburgo-Lorena, arciduchessa d’Austria e ultima regina di Francia.

(Scritto da Elisa Quaglia)

MARIA ANTONIETTA
“Ritratto di Maria Antonietta” di Louise Elisabeth Vigée-Lebrun del 1783.

2 novembre 1755 – Nasce a Vienna Maria Antonia d’Asburgo-Lorena, figlia dell’imperatrice Maria Teresa d’Asburgo e dell’imperatore del Sacro Romano Impero Francesco I di Lorena. E’ la penultima di sedici figli. Suoi fratelli sono Giuseppe II e Leopoldo II (che sarà granduca di Toscana col nome di Leopoldo I), due importanti sovrani illuminati. Una delle sue sorelle è invece Maria Carolina, che sarà data in sposa a Ferdinando IV di Napoli (o Ferdinando I del Regno delle Due Sicilie) e alla quale si deve la costruzione della Reggia di Caserta. Maria Antonia, arciduchessa d’Austria, cresce in maniera semplice ed estranea alle raffinatezze che si convengono ad una futura regina. Uno dei suoi maestri di musica è il celebre compositore tedesco Christoph Gluck, mentre maestro di letteratura e italiano è il poeta e drammaturgo Metastasio. La giovane non imparerà mai a esprimersi bene in francese, ma sa parlare perfettamente italiano e suonare l’arpa, la spinetta e il clavicembalo.

MARIA TERESA E I FIGLI
“Maria Teresa d’Austria e Francesco di Lorena coi figli” (1756). Maria Antonietta è nella culla più indietro. Atelier di Martin van Meytens.

1763 – Incontro tra Maria Antonia e Wolfgang Amadeus Mozart, il celebre compositore austriaco. Entrambi hanno sette anni. Secondo un famoso aneddoto, Maria Antonia riceve da lui una proposta di matrimonio per averlo aiutato a rialzarsi dopo essere scivolato.

18 agosto 1765 – Muore a Innsbruck (Austria), per un ictus, Francesco I, marito di Maria Teresa. Gli succede il quarto figlio – ma primo maschio – Giuseppe, col nome di Giuseppe II. Egli sarà imperatore del Sacro Romano Impero, affiancato dalla madre, da questo momento fino alla morte di quest’ultima, nel 1780.

13 giugno 1769 – In occasione dell’onomastico di Maria Antonia, viene ufficialmente annunciato il suo fidanzamento con Luigi Augusto di Borbone-Capeto, Delfino (e quindi erede al trono) di Francia. Il fidanzamento viene deciso per motivi politici, al fine di creare una solida alleanza tra l’Austria e la Francia dopo la Guerra dei Sette Anni (1756-1763), durante la quale i due Stati si erano coalizzati contro la Prussia di Federico II. Luigi Augusto è il nipote di Luigi XV, il re di Francia: è quindi il legittimo erede al trono dopo la morte del padre Luigi Ferdinando avvenuta nel 1765 e quella del fratello maggiore Luigi Giuseppe nel 1761. Il fidanzamento viene mediato dall’ambasciatore francese (il duca di Choiseul) e dal politico austriaco principe di Starhemberg.

LUIGI XVI
“Luigi XVI di Francia”, dipinto di Antoine-François Callet.

21 aprile 1770 – Maria Antonia lascia l’Austria per andare in Francia a sposare il Delfino di Francia. Maria Teresa decide di affiancarle l’ambasciatore austriaco, il conte Mercy-Argenteau, perché possa farle da guida. Arrivata a Schüttern, al confine tra la Francia e la Germania, l’arciduchessa viene sottoposta alla cerimonia della remise, durante la quale è tradizione che la futura Delfina di Francia venga spogliata di ogni indumento straniero per indossare solo abiti francesi. Viene deciso inoltre di cambiare il suo nome da Maria Antonia al più francese “Marie Antoinette” ( Maria Antonietta), che sarà il suo nome ufficiale fino alla morte. Qui la giovane incontra il suo fidanzato, del cui aspetto goffo e sgraziato rimane subito alquanto delusa. In seguito, viene condotta con un solenne corteo alla reggia di Versailles, la residenza ufficiale dei re di Francia.

16 maggio 1770 – Matrimonio tra Maria Antonietta e Luigi Augusto di Francia nella cappella reale della reggia di Versailles. Da questo momento in poi, l’arciduchessa d’Austria è ufficialmente la Delfina di Francia. Appena sposata, Maria Antonietta fa amicizia con le zie del marito (e figlie di Luigi XV): le principesse Vittoria, Adelaide e Sofia. Queste, tuttavia, non esitano a chiamarla alle spalle ” l’Austriaca” (L’autrichienne), manifestando un atteggiamento ipocrita nei confronti della giovane. Quest’ultima viene inoltre affidata alla Gran Maestra della Casa, la contessa di Noailles, perché le insegni il cerimoniale di corte. Maria Antonietta diviene molto amica anche dei due fratelli minori del Delfino: il conte di Provenza e il conte d’Artois.

Maria Antonietta a quattordici anni
“Maria Antonietta a quattordici anni”, dipinto di Joseph Ducreux del 1769.

1° gennaio 1772 – In occasione del Capodanno, Maria Antonietta rivolge per la prima volta la parola alla contessa Marie – Jeanne Béçu Du Barry, l’amante ufficiale di Luigi XV. Fin dal suo arrivo, Maria Antonietta si era infatti rifiutata di parlarle come forma di protesta per la sua presenza a corte. Il motivo erano le umilissime origini e la dubbia moralità della contessa, alle quali si erano aggiunte le pressioni da parte delle zie del Delfino, che non potevano soffrire la Du Barry e a cui la giovane Delfina era molto affezionata. Spronata dalle insistenze della madre e del conte Mercy-Argenteau, Maria Antonietta si decide finalmente a parlare alla contessa per evitare di incrinare i rapporti tra Francia e Austria, nonché di perdere la stima di cui gode presso il re.

8 giugno 1773 – Visita ufficiale del Delfino e della Delfina alla città di Parigi. I parigini rimangono estasiati dalla bellezza di Maria Antonietta, per la quale la giovane rimarrà famosa nella storia.

30 gennaio 1774 – Maria Antonietta incontra l’affascinante conte svedese Hans Axel di Fersen, ufficiale dei Dragoni di Svezia. L’incontro avviene durante un ballo in maschera a Parigi dopo il quale Maria Antonietta, spinta anche dal deludente matrimonio col Delfino di Francia oltre che dal carisma del conte, inizia una relazione “platonica” con quest’ultimo.

Conte di Fersen
“Ritratto del conte di Fersen”, di Carl Fredric von Breda.

10 maggio 1774 – Morte di Luigi XV per una grave forma di vaiolo, contratta in seguito a una caduta da cavallo. Pochi giorni prima della morte, viene deciso l’allontanamento permanente della contessa Du Barry dalla reggia di Versailles, in modo da permettere al re di ottenere l’assoluzione dai suoi peccati dopo la confessione. La contessa viene condotta al monastero di Pont-aux-Dames e sarà ghigliottinata durante la Rivoluzione Francese (8 dicembre 1793). Fersen lascia la corte. Luigi Augusto diventa re di Francia col nome di Luigi XVI e Maria Antonietta regina. L’incoronazione viene però fissata per l’11 giugno dell’anno successivo.

1775 – Maria Antonietta fa la conoscenza di Yolande Martine Gabrielle, futura duchessa di Polignac. Tra le due nasce subito una grande amicizia, alla quale si aggiunge il legame con la principessa di Lamballe, della casa dei Savoia. Nello stesso periodo inizia la passione di Maria Antonietta per la moda, le spese folli e per il gioco d’azzardo (soprattutto la roulette), nei quali coinvolge le due amiche. La regina di Francia diviene ben presto un simbolo di bellezza e femminilità per tutto il suo popolo: passeranno alla storia le alte parrucche di Monsieur Léonard e i ricchi e costosi abiti di Madame Bertin realizzati appositamente per lei.

Maria Antonietta
“Maria Antonietta in grand’abito di corte”, ritratto di Élisabeth Vigée-Le Brun (1778).

1775-1783 – Guerra d’Indipendenza Americana, a cui partecipa anche la Francia alleata coi coloni americani che chiedono autonomia dalla madre patria Inghilterra. Il coinvolgimento militare ed economico della Francia aggrava moltissimo le finanze di Stato senza far ottenere al Paese sostanziali vittorie.

Aprile- maggio 1775 – “Guerra delle Farine” scoppiata a causa delle tasse sul grano imposte dal ministro dell’economia Turgot: si tratta di una serie di sommosse popolari perpetrate in tutta la Francia a causa della scarsità del frumento e dei balzelli troppo onerosi. L’anno successivo, Turgot viene sostituito dal ministro Necker, che rimarrà in carica fino al 1781 e poi dal 1788 al 1789. Nel 1781, poco prima di dare le dimissioni, Necker si inimicherà fortemente la regina pubblicando i registri ufficiali su cui sono annotate spese e rendite dei nobili della corte.

18 aprile 1777 – Visita ufficiale in Francia dell’imperatore del Sacro Romano ImperoGiuseppe II, che rimprovera alla sorella le spese folli e l’eccessiva frivolezza, alla quale la giovane regina si dedica per consolarsi dei suoi problemi matrimoniali (si vocifera infatti che Luigi XVI abbia una malformazione anatomica che gli impedisce di consumare il matrimonio). Giuseppe ha il sospetto che i vizi della sorella minore siano incoraggiati dalla frivolezza dei nobili che le stanno vicino, e ne informa per lettera il fratello Leopoldo II.

Giuseppe II d'Asburgo
“Giuseppe II d’Asburgo”, dipinto di Anton Von Maron.

1778-1779Guerra di successione bavarese – nota anche come “Guerra delle patate” – tra l’Austria e la Prussia. Maria Antonietta intercede presso il re di Francia in favore dell’Austria. Insieme alle spese da capogiro e allo scarso interesse per gli affari francesi, questo fatto fa sì che la reputazione della giovane regina cominci pian piano a danneggiarsi.

25 agosto 1778 – Nuovo incontro tra Maria Antonietta e il conte Fersen. A questo se ne aggiungeranno altri negli anni, cui seguirà una relazione epistolare.

19 dicembre 1778 – Nascita di Maria Teresa Carlotta, prima figlia di Maria Antonietta e Luigi XVI, a cui verrà dato il titolo di Madame Royale. Il parto e l’eccessivo affollamento della stanza da letto causano grave malessere alla regina, che rischia seriamente la vita. Luigi XVI decide per questo di non far più assistere i nobili alla nascita dei prìncipi di Francia, riservando tale onore solamente ai parenti della famiglia reale.Tempo dopo, la regina inizierà a passare le giornate con la figlia al Petit Trianon, una dépendance limitrofa alla reggia regalatale da Luigi XVI nel 1774, rifiutandosi di partecipare alle udienze a corte.

MARIA ANTONIETTA CON LA ROSA
“Maria Antonietta con la rosa”, dipinto di Élisabeth Vigée-Le Brun (1783).

1779 – Partenza di Fersen per gli Stati Uniti, dove prende parte alla Guerra d’Indipendenza Americana.

29 novembre 1780 – Morte di Maria Teresa d’Austria, madre di Maria Antonietta.

22 ottobre 1781 – Nascita di Luigi Giuseppe, secondo figlio di Maria Antonietta e Luigi XVI, nonché Delfino di Francia. Il bambino si ammala tuttavia precocemente di tubercolosi ossea, che lo rende presto infermo.

1782- 1783 – Maria Antonietta decide di trasferirsi in pianta stabile, coi due figli, presso la residenza del Petit Trianon. Nei suoi giardini la regina fa costruire un villaggio di casette molto simili a quelle del Tirolo e decide di vivere una vita ritirata, contadina, rifiutandosi spesso di concedere udienza ai nobili per dedicarsi al teatro e a ricevere le amiche. Questo aumenta ulteriormente le ostilità già presenti nei suoi confronti.

MARIA ANTONIETTA COI SUOI FIGLI
“Maria Antonietta coi suoi figli (Maria Teresa Carlotta e Luigi Giuseppe) nel parco del Petit Trianon”. Dipinto di Adolf Ulrik Wertmüller (1785).

1783 – Nuovo incontro tra Maria Antonietta e il conte Fersen.

27 marzo 1785 – Nascita di Luigi Carlo, terzo figlio di Maria Antonietta e Luigi XVI. Nello stesso anno, il conte di Fersen si trasferisce definitivamente alla reggia dopo aver lasciato la nativa Svezia. Non viene mai accertato se la relazione con la regina sia solo platonica o meno.

15 agosto 1785 – 31 maggio 1786 – Svolgimento dell’ Affare della Collana, famoso scandalo in cui viene coinvolta Maria Antonietta in seguito agli inganni orditi da Jeanne Valois e da suo marito Nicolas de La Motte. Questo evento compromette irreversibilmente la reputazione della regina, il cui solo rango le impedisce di venire ufficialmente imputata nello scandalo, e riesce a mettere in luce moltissime sue mancanze. Da questo momento in poi, il popolo francese la chiamerà sempre ” l’austriaca” (l’autrichienne), l’appellativo usato in senso dispregiativo dalle zie di Luigi XVI. Ed ecco come avvengono i fatti:

Jeanne Valois è una discendente dell’ex-casa reale dei Valois, sul trono di Francia prima dei Borbone-Capeto. Desiderosa di riacquistare le proprietà di famiglia confiscate per debiti, ella convince, con la complicità del marito Nicolas, il ricco e vizioso cardinale de Rohan ad acquistare dal gioielliere Boehmer una splendida collana per la regina Maria Antonietta.

Il cardinale de Rohan, malvisto dalla regina per la sua corruzione e la sua vita dissoluta, spera con quel gesto di riconciliarsi con lei. Jeanne Valois gli fa credere che la regina desideri segretamente acquistare la collana, organizzando addirittura un incontro segreto tra il cardinale e una sosia di Maria Antonietta, una notte nei giardini di Versailles. La sosia della regina è una giovane attrice non vedente di nome Nicole Oliva, d’accordo con Jeanne Valois e suo marito, che lo convince a pagare l’ingente somma di denaro in cambio del suo perdono. Tuttavia, dopo il pagamento Jeanne Valois tiene per sé il denaro dell’acquisto per riscattare i terreni di famiglia. Lo scandalo scoppia quando il gioielliere Boehmer si rivolge alle autorità chiedendo il pagamento mai avvenuto per la collana.

Durante il processo, vengono condannati al carcere a vita sia Jeanne Valois che il marito Nicolas de La Motte, ma viene invece assolto il cardinale di Rohan, con grande disappunto di Maria Antonietta, alla cui completa innocenza il popolo francese non crede. Viene inoltre chiesto alla regina di presenziare al processo per difendersi dalle accuse, ma questa si rifiuta di farlo, facendo indignare ancora di più i suoi sudditi.

Jeanne Valois e il marito riescono a scappare in Inghilterra e muoiono in circostanze non molto chiare; forse suicidi.

9 luglio 1786 – Nascita di Sofia Elena Beatrice, quarta e ultima figlia di Maria Antonietta e Luigi XVI. La bambina nasce però di costituzione debole e dalla salute molto compromessa, e muore prima di compiere un anno (19 giugno 1787). Si pensa che ai suoi problemi di salute abbia contribuito un grave deperimento della regina, già presente prima della gravidanza ed iniziato dopo la conclusione dell’affare della collana.

Maria Antonietta e i figli
“Maria Antonietta e i figli”, ritratto di Louise Elisabeth Vigée-Lebrun del 1787. La culla vuota simboleggia la morte di Sofia Elena Beatrice.

1787 – Maria Antonietta viene accusata di essere l’unica responsabile del deficit economico della Francia a causa delle sue spese eccessive e quantomai inutili (non smetterà mai infatti di comperare abiti, gioielli, parrucche e cappellini molto costosi). Le viene dato il soprannome di “Madame Déficit” e le vengono inoltre attribuite frasi mai dette come: “Se non hanno pane, che mangino le brioche!”.

Gennaio 1789 – Il re decide di convocare gli Stati Generali per il 5 maggio di quell’anno a Versailles, in modo da ottenere il consenso del popolo alla richiesta di nuove tassazioni. Con il termine  “Stati Generali” si intendeva un’assemblea istituita in Francia dal re Filippo il Bello nel 1302, nella quale venivano convocati e ascoltati, al fine di trovare un accordo, i rappresentanti dei tre ceti sociali o Stati presenti all’interno della popolazione francese: nobiltà, alto clero e borghesia. I contadini e i membri delle classi più povere, benché costituenti quasi la totalità della popolazione francese dell’epoca, non avevano rappresentanti.

5 maggio 1789 – Primo giorno di convocazione a Versailles degli Stati Generali. La regina viene accolta nella sala dell’assemblea nel silenzio più totale, in segno di sdegno da parte del popolo francese. Il terzo Stato (borghesia), speranzoso nella proclamazione della monarchia costituzionale, rimane deluso dall’apprendere che il motivo della convocazione è in realtà la richiesta di nuove imposte.

MARIA ANTONIETTA CON UN LIBRO
“Maria Antonietta con un libro”. Ultimo ritratto ufficiale della regina, di Élisabeth Vigée-Le Brun (1788). E’ possibile notare l’invecchiamento precoce di Maria Antonietta, che all’epoca aveva solo 32 anni.

4 giugno 1789 – Morte di Luigi Giuseppe, il Delfino di Francia, nel pieno degli Stati Generali. La morte viene attribuita a tubercolosi.

20 giugno 1789Luigi XVI fa chiudere la sala dove il terzo Stato (borghesia), proclamatosi Assemblea Nazionale, è solito riunirsi. Questo si sposta nella sala della reggia dove si gioca alla Pallacorda e presta giuramento di rimanere unito fino alla nascita della Costituzione (Giuramento della Pallacorda). All’Assemblea Nazionale si uniscono anche i membri del clero e alcuni membri della nobiltà. Il 9 luglio l’Assemblea cambierà il nome in Assemblea Nazionale Costituente.

14 luglio 1789Presa della Bastiglia da parte dei rivoluzionari. Inizio ufficiale della Rivoluzione Francese. PER AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA RIVOLUZIONE FRANCESE E SUGLI EVENTI DI SEGUITO DESCRITTI, SI VADA AL SEGUENTE LINK.

15 luglio – 17 luglio 1789Luigi XVI si reca da Versailles a Parigi per trovare un accordo con l’Assemblea Nazionale Costituente, ma il fatto viene ignorato: nonostante il parere di Robespierre, filo-monarchico a capo dei Rivoluzionari, alcuni estremisti come Saint-Just sono convinti che il cambiamento politico sia ormai troppo avanti perché non venga istituita la Repubblica. Nel mese di agosto, viene abolito l’Ancien Régime e quindi decadono tutti i privilegi feudali che la regina ha concesso negli anni alla nobiltà.

5 ottobre 1789 – Una folla di donne affamate marcia a piedi da Parigi fino alla Reggia di Versailles, chiedendo alla regina del pane per i figli e di mostrarsi loro sul balcone. Sarà famoso questo primo e ultimo atto di sottomissione di Maria Antonietta di fronte al suo popolo, quando la regina si affaccerà al terrazzo e avrà il coraggio di inchinarsi davanti alla folla ricevendo il baciamano di un commosso marchese di La Fayette (già eroe nazionale per aver combattuto nella Guerra d’Indipendenza Americana) lasciando stupefatte le donne di Parigi.

MARCHESE DI LA FAYETTE
“Ritratto del marchese di La Fayette” di Joseph-Désiré Court (1791).

6 ottobre 1789 – La famiglia reale viene rinchiusa nel Palazzo delle Tuileries a Parigi e il re viene costretto a firmare la carta dei ” Diritti dell’ Uomo e del Cittadino “. Nell’anno successivo, presterà anche fedeltà allo Stato.

20 giugno 1791 – La famiglia reale tenta di lasciare la Francia su una carrozza guidata dal conte Fersen e con la complicità del generale Bouillé, fedele alla monarchia. L’episodio è ricordato come la Fuga di Varennes, che si concluderà col riconoscimento dei sovrani alla frontiera e il loro ritorno forzato a Parigi. Questo sarà anche l’ultimo incontro tra Maria Antonietta e Fersen. In seguito al viaggio di ritorno, i capelli della regina diverranno completamente bianchi, secondo la leggenda per il terrore provato durante l’interminabile processione in mezzo ai manifestanti.

L'ARRESTO DEL RE E DELLA SUA FAMIGLIA A VARENNES
L’arresto del re e della sua famiglia a Varennes, di Thomas Falcon Marshall.

Autunno 1791 – Nascita della prima Costituzione francese e proclamazione di Luigi XVI “Re dei Francesi” e non più “di Francia “, a indicare che il potere del sovrano deriva dal volere del popolo e non da quello di Dio. Nascita dell’Assemblea Legislativa.

10 agosto 1792 – Luigi XVI e la sua famiglia vengono rinchiusi nella Torre del Tempio.

Settembre 1792 – Proclamazione della Repubblica Francese.

3 dicembre 1792 – Inizio del processo a Luigi XVI, che verrà condannato a morte.

21 gennaio 1793 – Esecuzione di Luigi XVI sulla ghigliottina a Parigi, a Place de la Révolution (oggi Place de L’Étoile o Place de la Concorde). Il figlio Luigi Carlo, ancora piccolo, diviene re Luigi XVII. Nell’estate dello stesso anno, ha inizio il periodo chiamato “Terrore” per la forte politica repressiva adottata da Robespierre e Saint-Just, a capo del Comitato di Salute Pubblica.

3 luglio 1793 – Luigi XVII viene portato via dalla Torre del Tempio e viene allevato da un ciabattino. Morirà pochi anni dopo in circostante non del tutto note. Maria Antonietta è accusata di utilizzare il bambino per portare messaggi ai suoi alleati fuori dalla prigione, nonché di avere rapporti incestuosi col figlio. Oggi è provato che la seconda accusa era del tutto falsa.

1°agosto 1793 – Trasferimento di Maria Antonietta dalla Torre del Tempio alla Conciergerie, un’ala annessa al Palazzo di Giustizia di Parigi. Viene affidata alle cure di Rosalie Lamorlière, una servetta della prigione.

MARIA ANTONIETTA ALLA CONCIERGERIE
“Maria Antonietta alla Conciergerie”, di Alexandre Kucharsky

13 ottobre 1793 – Inizio del processo a Maria Antonietta.

16 ottobre 1793 – Morte di Maria Antonietta sulla ghigliottina, anch’essa a Place de la Concorde come per Luigi XVI.

19 dicembre 1795 – Maria Teresa Carlotta, unica figlia di Maria Antonietta rimasta in vita, lascia la prigione del Tempio e viene portata in Austria alla corte di Francesco I, suo cugino di primo grado. Morirà di morte naturale nel 1851.

(Tutte le immagini presenti in questa pagina sono di dominio pubblico. Cliccare sopra per ingrandirle.)

(Tutte le informazioni qui contenute sono di pubblico dominio).

TORNA ALLA PAGINA DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE